- By Irène Némirovsky Sandra Smith

Le Bal

  • Title: Le Bal
  • Author: Irène Némirovsky Sandra Smith
  • ISBN: null
  • Page: 111
  • Format: Paperback
  • Le Bal Le Bal is a penetrating and incisive book set in early twentieth century France At its heart is the tension between mother and daughter The nouveau riche Kampfs desperate to become members of the soc

    Le Bal is a penetrating and incisive book set in early twentieth century France At its heart is the tension between mother and daughter The nouveau riche Kampfs, desperate to become members of the social elite, decide to throw a ball to launch themselves into high society For selfish reasons Mrs Kampf forbids her teenage daughter, Antoinette, to attend the ball and banLe Bal is a penetrating and incisive book set in early twentieth century France At its heart is the tension between mother and daughter The nouveau riche Kampfs, desperate to become members of the social elite, decide to throw a ball to launch themselves into high society For selfish reasons Mrs Kampf forbids her teenage daughter, Antoinette, to attend the ball and banishes her to the laundry room In an unpremeditated fury of revolt and despair, Antoinette takes a swift and horrible revenge A cruel, funny and tender examination of class differences, Le Bal describes the torments of childhood with rare accuracy.Also included in this volume is Snow in Autumn, in which N mirovsky pays homage to Chekov and chronicles the life of a devoted servant following her masters as they flee Revolutionary Moscow and emigrate to a life of hardship in Paris.

    1 thought on “Le Bal

    1. 85 σελίδες ομορφιάς. Ένα κομψοτεχνηματάκι. Δεν τη γνώριζα αυτήν τη συγγραφέα και χαίρομαι ιδιαίτερα που την ανακάλυψα. Ήταν το χριστουγεννιάτικο δώρο της φίλης μου της Γιώτας (και πόσο σε ευχαριστώ καρδούλα μου, δεν έχω λόγια). Φέτος ήταν μια υπέροχη χρονιά γιατί όσα βιβλία μ [...]

    2. La scena si apre. Le gocce di cristallo del lampadario tintinnano, mosse dall'aria della porta che si chiude. Sentite il tintinnio? Se vi è sfuggito il suono cristallino, non lo sentirete più, perché a esso si sovrappone la voce sgradevole e sgraziata della signora Kampf.Antoinette, quattordici anni, prova un sentimento di odio nei confronti della signora Kampf, sua madre. Ne ha timore, ha persino scordato il tempo in cui, piccina, la prendeva sulle ginocchia e la copriva di baci.Ricorda, inv [...]

    3. Tan pocas páginas para retratar la relación madre-hija, el intento de aparentar de los nuevos ricos, y la época y sociedad de Irène. No le hace falta ni una página más ni menos.

    4. La quarta di copertina de Il ballo della mia edizione (Newton Compton) recita così:Per i Kampf l'organizzazione del ricevimento, a cui sono invitati i maggiorenti della città, è un'occupazione serissima.Tutto deve funzionare alla perfezione, come il meccanismo di un prezioso orologio. Proprio per questo, il ballo, che dovrebbe segnare l'ingresso della quattordicenne Antoinette nella brillante società parigina, è un sogno più per la madre, volgare e arcigna parvenue, che per la ragazza. Con [...]

    5. There seems to be a general enthusiasm for Némirovsky's work. I'm sorry, but I just don't see it. "Stock characters and extravagant emotions" is what JM Coetzee writes, so there.The Kampfs are nouveaux-riches arrivistes. They decide to hold an ostentatious ball to mark their arrival in polite society. Their 14 year-old daughter, Antoinette, is definitely not invited, as she would be a rival for Mum ( not too sure why, since she's not exactly portrayed as a beauty). Antoinette takes revenge and [...]

    6. Seconda opera pubblicata della Némirowsky, sull'onda del successo di David Golder. Racconto lungo. La piccola vicenda fa da presupposto e cornice al ritratto spietato di una famiglia di parvenus, di una madre egoista e meschina, e delle miserie caratteriali derivanti dal rapporto filiale con lei. Testo scorrevole, tuttavia acerbo. Lontano dalla complessità ineffabile che l'autrice avrebbe raggiunto nella superba Suite Francese. Da leggere con curiosità e considerarsi prova d'autore.

    7. Elettra, Edipo. E' da più di duemila anni che ce lo sussurrano in un'orecchio. "Devi ucciderli, devi ucciderli, se vuoi vivere la tua vita devi ucciderli". E Antoinette lo fa brillantemente (nonostante il testo della Némirowsky ancora acerbo).

    8. Gelosia, risentimento e ipocrisia sono solo alcuni dei sentimenti che permeano questo essenziale e anche un po' crudele romanzo della Némirovsky.Antoinette ha quattordici anni e il suo bisogno di affetto (e di vita) si scontra presto con l'ambizione e l'ipocrisia tipiche della borghesia arricchita di cui la madre Rosine è recentemente entrata a far parte. Così, al suo rifiuto di partecipare al ballo che si terrà nella loro nuova residenza, Antoinette reagirà in modo istintivo e inaspettato, [...]

    9. Ma quanto son belli i romanzi della Nemirovsky!Protagonista di questo racconto è la 14enne Antoniette, una ragazzina che vive con i propri genitori, Alfred e Rosine, persone arricchite che desiderano riscattarsi e vivere i privilegi della ricchezza circondandosi di persone “importanti”. I due sono poco interessati ai sentimenti della figlia, ma solo al prestigio, al denaro, alla soddisfazione dei propri piaceri. Più o meno i valori che sono ritenuti importanti dalla società di cui cercano [...]

    10. Un ballo un quadroUn ballo sognato, preparato, desiderato, atteso, da parte di una madre desiderosa di riscatto, e di una figlia fremente di vita. E sta proprio nella capacità sublime di dare consistenza all'attesa, la grandezza di questa scrittrice: ogni particolare, ogni oggetto, ogni personaggio, anche il più insignificante, è solo apparentemente futile, ma capace di delineare con pennellate precise, l'atmosfera di tensione e di aspettativa che regna nel racconto.E la giovane Antoinette, i [...]

    11. Negli anni più volte mi è stato chiesto "ma tu non vorresti un figlio?" e ogni volta la risposta più "giusta" (a parte "fatti i fatti tuoi") che mi è venuta da dare è stata che un figlio, quando lo si fa, deve avere tutta la nostra attenzione, diventare centrale nella nostra vita, dobbiamo essere disposti a rinunciare a tutto per lui. Lui è il futuro, noi siamo il passato e siccome io ho ancora troppi sogni, troppi desideri per me stesso, non sarebbe giusto nei miei e nei suoi confronti.Ec [...]

    12. Le occasioni perdute.Per Rosine, la madre, il ballo è un punto di arrivo: per dimostrare ai parenti, ai conoscenti, agli amici (ma soprattutto ai nemici) di avercela fatta; è la sua rivalsa sociale, il riscatto per quei lunghi anni trascorsi in un appartamento troppo piccolo e troppo spoglio: potrà finalmente ostentare e dimostrare quanto rapida sia stata la sua ascesa.L'unico cruccio è che questo arrivi troppo tardi, quando la sua bellezza incominci ormai a sfiorire.Per Antoinette, la figli [...]

    13. Antoniette ovvero la vendetta di Cenerentola! La penna acuminata della Nemi colpisce con sferzante vigore in questo brevissimo romanzo.Alla quattordicenne Antoniette non viene concesso di partecipare ad un ballo importante organizzato dalla madre.La madre non vuole che la figlia partecipi per paura che la sua bellezza in via di sfioritura venga appannata da quella sbocciante della figlia.Ma Antoinette, desiderosa di partecipare al ballo perché smaniosa di fare il suo debutto in società, non st [...]

    14. Lo he disfrutado como una enana. Tan real, con un humor y una forma de reflejar los personajes y de prepararte para lo que pasaría que me ha encantado.Pese a lo absurdo de su comportamiento, no deja de ser un reflejo de esa sociedad que hoy en día también está a nuestro alrededor. Que gusto de lectura

    15. Concisamente abrasivoUn brevissimo romanzo che, con la sua ottantina di pagine (e quaranta di prefazioni varie!), rappresenta il giusto “libro da viaggio”: più leggero ed elastico, meno ingombrante e freddo di un qualunque ebook reader; mi è capitata dunque l’occasione di leggerlo subito dopo I doni della vita (generalmente evito lo stesso autore due volte di seguito) che, con i suoi respiri profondi, possiede una estensione assolutamente maggiore e più ricca; tuttavia Il ballo, pur nel [...]

    16. Folgorante racconto di feroce, adamantina crudeltà. La figura di Antoinette, piccola adolescente assetata di amore e di vita, compendia con straordinaria essenzialità le inquietudini e l’intransigenza emotiva tipiche di quell’età. La sua spontaneità, le sue insicurezze e il suo bisogno di affetto si scontrano dolorosamente con la torbida ipocrisia dell’ambiente in cui vive e con l’indifferenza e ambizione dei genitori, in particolare della madre, timorosa di riconoscere il declino de [...]

    17. Il mio primo incontro con la Nèmirovsky è stato folgorante e mi ha fatto completamente perdere la testa per lo stile netto e duro di quest'autrice che in meno di cento pagine è riuscita a trasmettermi tutto ciò che era sua intenzione raccontarmi. Il romanzo è incentrato sul conflitto tra una madre, ancora abbastanza giovane da potersi godere la vanità di entrare finalmente a far parte del mondo dei ricchi dopo una vita di povertà, e una figlia quattordicenne ansiosa di sbocciare; entrambe [...]

    18. Gostei muito desta curtíssima novela de Irène Némirovsky e tenho muita curiosidade em lê-la num registo mais longo.“O Baile” conta a história (que tem muito de autobiográfico) de Antoinette, uma menina de 14 anos que é tratada pelos adultos (e muito particularmente pela mãe) com altivez, brusquidão e rudeza, provocando o ódio da jovem, a revolta de uma menina contra um mundo dominado por adultos incompetentes. Enquanto leitores, temos acesso à crescente aversão de Antoinette por [...]

    19. La recuperación de una narradora excepcionalEs un libro breve, alcanza poco más de 90 páginas, pero una de las cumbres literarias de su autora, la ucraniana que escribía en francés, Irène Némirovsky. En la novela corta El baile, la autora despliega todo el repertorio de brillantes recursos narrativos que caracterizan sus obras.La historia de Némirovsky está atravesada por la desgracia y el silencio de unas cuantas decenas de años. En 1929 publicó su primera novela, David Golder, que f [...]

    20. E' sempre difficile recensire dei racconti, figuriamoci questo libro che è costituito di un solo racconto. La tentazione è sempre quella di manifestare una pretenziosa insoddisfazione, come a dire, tutto qui?, ma vale la pena riconoscere che sì, è solo un racconto, e non è poco.Ciò che l'autrice compie in questo racconto è una finissima operazione: concentrandosi sul rapporto, sempre complicatissimo, tra madre e figlia, poco a poco la Nemirovsky allarga la lente, restituendo un implacabil [...]

    21. Il conflitto madre figlia descritto perfettamente dall'autrice in questo racconto. Una madre che non si rassegna a farsi da parte per far spiccare il volo alla figlia. Una figlia che combatte una madre così ostile, autoritaria, così bambina, così vuota.

    22. Leggi la nostra recensione su diquestolibroedeglialtriview/2016/04/nemirovsky-il-ballo!

    23. E' il primo libro che leggo della Nemirovsky; questo breve racconto mi ha colpito per la sua particolare perfidia! La figlia sognatrice che si vendica spietatamente contro una madre odiosa e insensibile è l'epilogo dell'odio maturato da un rapporto sbagliato tra genitori e figli. Un racconto che si legge tutto d'un fiato, lo stile di scrittura è essenziale senza tanti giri di parole. Un piccolo capolavoro. Leggerò sicuramente altro di suo.

    24. Per voi l'amore è simile a un balletto.Mi avvicino cautamente a Irène Némirovsky per la prima, ma non ultima, volta. Lo faccio mosso dalla sua tragica biografia, così spietata, ma di certo non unica, essendo stata condivisa da milioni di altre persone; la Némirovsky era infatti ebrea e terminò la sua esistenza a Birkenau nel 1942. Il ballo, novella elegantissima, chirurgica, porta in sé tutti i capisaldi dello stile dell'autrice, compreso quel sentimento così poco benevolo nei confronti [...]

    25. Bello. Intenso, che si legge in poche ore. E' il primo racconto della Némirovsky che leggo e devo dire che mi è piaciuto. Dietro uno stile di scrittura semplice, l'autrice nasconde qualcosa di più grande. Una situazione familiare disastrosa, celata magistralmente dietro il luccichio dei gioielli e lo sfarzo del lusso. Una madre assente, completamente assorbita dalla sua nuova vita da "arricchita", tanto vanitosa e meschina da voler oscurare la figlia quattordicenne, illudendosi di potersi ris [...]

    26. Questo racconto breve mi è piaciuto particolarmente, soprattutto per la straordinaria scioltezza in cui l'autrice passa da un punto di vista all'altro, anche nello stesso periodo, senza che il lettore percepisca che il filo narrativo si spezzi.Ho seguito Antoinette nel suo processo di crescita - diciamo mentre si "sporcava le ali" - con una certa impazienza di vedere il risultato finale, che la Nemirovsky trasforma forse nell'unico punto di incontro tra madre e figlia in tutto il libro e che, p [...]

    27. Llama la atención que con tan solo 25 años alguien sea capaz de escribir un relato —que tiene mucho de autobiográfico— tan incisivo sobre las relaciones madre-hija y la venganza, pues destila una madurez inusitada a esa edad. Es también una crítica despiadada a los nuevos ricos y a sus ínfulas por medrar en la sociedad. Es de justicia que Irène Némirovsky sea incluida entre los mejores escritores del siglo XX.

    28. E con questo breve racconto anche io ho rotto il ghiaccio con la signora Némirovsky. L'ho trovato molto bello e molto rabbioso, un esempio di hýbris moderna.

    29. Credo che basti la classe di una scrittrice come la Némirovsky per far si che, un racconto di poco più di 100 pagine, diventi un vero e proprio piccolo capolavoro

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *